Terzo settore

Fondazione Costruiamo il futuro lancia “Costrui@mo in rete”

Un percorso dedicato: primi appuntamenti su sport e novità fiscali

Fondazione Costruiamo il futuro lancia “Costrui@mo in rete”
10 Giugno 2020 ore 12:08

Fondazione Costruiamo il futuro lancia: Costrui@mo in rete – Insieme per ripartire. Un percorso dedicato agli enti del Terzo settore, per fare luce sulle nuove sfide che le associazioni sportive, sociali e tutti gli enti non profit dovranno affrontare. Per ripartire insieme dopo l’emergenza COVID19.

Il progetto Costrui@mo in rete

Gli incontri nascono per poter aiutare e offrire spunti di lavoro per le realtà del Terzo Settore messe a dura prova dal lockdown e non solo. La loro assenza obbligata ha fatto emergere ancora di più l’importanza e il contributo prezioso che esse offrono alla nostra società.

Il primo appuntamento

Il 15 giugno alle 17 il primo appuntamento dedicato allo sport. Insieme a Vito Cozzoli, presidente Sport e Salute e Massimo Achini, presidente CSI Milano, si parlerà delle nuove prospettive per le attività sportive in epoca COVID e come sia possibile continuare a tutelare il grande compito che queste realtà rivestono per bambini e ragazzi. L’incontro sarà moderato da Antonio Cattaneo, partner Deloitte.

Focus sul Decreto Rilancio

Il secondo appuntamento è previsto per il 17 giugno alle 17. Gabriele Sepio, avvocato e tributarista, membro del Consiglio Nazionale del Terzo settore e del comitato di gestione della Fondazione Italia Sociale farà chiarezza sugli aspetti normativi e fiscali del Decreto Rilancio per capire cosa cambia per il Terzo settore. L’incontro sarà moderato da Marta Petenzi, segretario generale della Fondazione della comunità di Monza e Brianza Onlus.

I webinar sono gratuiti e si svolgeranno utilizzando l’applicazione Zoom. Per poter partecipare
occorre scrivere a info@costruiamoilfuturo.it. Le informazioni e le istruzioni per accedere ai webinar, saranno inviate successivamente via email.

Turismo 2020
Top News
Glocal News
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità