Menu
Cerca
La svolta

Incidente Zanardi: la Procura chiede l’archiviazione dell’autista del camion

Sarebbe stata la posizione del camion a provocare la reazione del campione paralimpico, ma non a determinare l’incidente.

Incidente Zanardi: la Procura chiede l’archiviazione dell’autista del camion
Glocal news 26 Aprile 2021 ore 14:48

Sarebbe stata una reazione improvvisa dell’ex campione di Formula Uno Alex Zanardi a determinare lo scontro con un camion proveniente dal senso di marcia opposto. O meglio, questa è la tesi della Procura di Siena che ha inoltrato la richiesta di archiviazione della posizione dell’autista dell’autoarticolato Marco Ciacci.

Incidente Zanardi: Procura chiede l’archiviazione dell’autista

Il conducente del camion contro cui il campione paralimpico residente a Noventa Padovana, Alex Zanardi, in occasione di una manifestazione cicloturistica solidale del 19 giugno 2020, non avrebbe alcuna responsabilità penale nel tragico sinistro stradale avvenuto a Pienza, in Toscana. E proprio per questo motivo, il procuratore della Repubblica di Siena ha chiesto l’archiviazione della posizione dell’autista Marco Ciacci, rispetto al reato ipotizzato di lesioni gravissime.

LEGGI DA PRIMA SIENA: Le perizie: “Perse il controllo”, la famiglia Zanardi non ci sta

A supporto della tesi della Procura ci sarebbe una perizia condotta dal docente del Dipartimento di Ingegneria induStriale dell’Università di Firenze, Dario Vangi, il quale su incarico del Pm avrebbe appurato che lo sconfinamento della linea di mezzeria da parte del camion ci sarebbe stata, ma inferiore ai 40 centimetri e dunque sarebbe stata considerata minima visto il tipo di veicolo e le caratteristiche della strada percorsa.

La posizione del camion non avrebbe determinato l’incidente

La famiglia dell’ex pilota ha immediatamente fatto sapere che si opporrà alla richiesta di archiviazione, basando la propria posizione sugli elementi emersi nel corso delle perizie di parte: si è sempre sostenuto, infatti, che nelle immagini riprese dalla coda del gruppo, si vedrebbe chiaramente il mezzo superare la linea di mezzeria.

Per la Procura, quindi, l’incidente non sarebbe stato provocato dal tentativo del camionista di sorpassare un ciclista, ma da una reazione dello stesso Zanardi, il quale, spaventato dalla visione dell’autoarticolato, avrebbe perso il controllo del mezzo andando poi a sbattere violentemente.

DA PRIMA PADOVA: Alex Zanardi torna a parlare dopo quasi sette mesi dall’incidente