Menu
Cerca
non solo l'8 marzo

L’impegno di Vodafone per la parità di genere

Vodafone al fianco delle donne e contro ogni forma di violenza con l'iniziativa #scrivoperunamica

L’impegno di Vodafone per la parità di genere
Glocal news 08 Marzo 2021 ore 20:24

In occasione della Giornata Internazionale della donna, Vodafone è al fianco di tutte le donne attraverso una serie di iniziative. Intende così testimoniare il costante impegno dell’azienda nel contrastare ogni forma di violenza, raggiungere la parità di genere e valorizzare il talento femminile.

Come Vodafone lotta contro la violenza

Per contrastare la violenza contro le donne, Vodafone ha introdotto misure a tutela delle proprie dipendenti e, attraverso Fondazione Vodafone, ha sviluppato e promosso l’app Bright Sky. Sviluppata in collaborazione con CADMI – Casa delle Donne Maltrattate e Polizia di Stato, è un’app gratuita che fornisce risorse e strumenti concreti alle donne che subiscono violenze e maltrattamenti. Tra cui la  mappatura dei servizi di supporto su tutto il territorio nazionale, la chiamata rapida al 112 attivabile con un singolo tocco su ogni pagina dell’app, oltre a questionari per valutare il rischio di una relazione e per sfatare stereotipi e luoghi comuni sul fenomeno della violenza.

Il progetto Scrivo per un’amica

Per sensibilizzare e promuovere una sempre maggiore consapevolezza sul tema della violenza di genere, anche attraverso l’utilizzo di Bright Sky, in occasione della Giornata Internazionale della donna Fondazione Vodafone lancia il nuovo progetto: #ScrivoPerUnamica. Dopo il successo del video manifesto e della campagna #ChiedoPerUnAmica, Fondazione Vodafone sceglie di dare continuità all’iniziativa attraverso una raccolta di storie dedicate alle diverse forme di violenza di genere, con le introduzioni di Ambra Angiolini e della Presidente di Fondazione Vodafone Marinella Soldi.

Le storie sono raccontate da un collettivo di scrittrici composto da Cristina Caboni, Cristina Chiperi, Clizia Fornasier, Giulia Muscatelli, Marzia Sicigano e Giada Sundas, a cui si aggiunge un capitolo speciale con la graphic novel di Fumettibrutti aka Josephine Yole Signorelli.

 

La nuova iniziativa #Scrivoperunamica, creata insieme a We Are Social, consiste nel lancio dell’ebook, scaricabile gratuitamente dalla homepage di Fondazione Vodafone. Con un video di lancio dell’iniziativa, in onda sulle principali emittenti televisive e digitali per la giornata dell’8 marzo, e da una serie di approfondimenti nelle prossime settimane sui canali social di Vodafone. Il primo appuntamento è previsto per lunedì 8 marzo, alle 18, con una room su Clubhouse in cui Ambra Angiolini e le autrici di Scrivo per un’amica si confronteranno sul fenomeno della violenza di genere.

QUI IL LINK PER SCARICARE L’EBOOK

Le donne in Vodafone Italia

In questa delicata fase di trasformazione del mondo del lavoro, Vodafone dedica particolare attenzione alla vita professionale delle sue dipendenti. Lo dimostrano le misure previste dal recente accordo sul lavoro agile, o ancora l’impegno dell’azienda nella ricerca attiva di donne con profili STEM per assicurare sempre la presenza di una candidata donna in shortlist, anche per l’assunzione di profili tech. Allo scopo di costruire una cultura meritocratica che valorizzi il talento femminile e promuova l’eccellenza.

In Vodafone Italia le donne occupano un alto livello di occupazione, anche nelle posizioni manageriali, e nell’ultimo anno le dirigenti donne sono aumentate del 9%, arrivando a rappresentare il 34% del totale dei dirigenti. Fondamentale anche l’impegno verso le dipendenti Vodafone attraverso misure a sostegno della famiglia e della maternità. È tutt’oggi in vigore, da più di vent’anni, l’accordo che prevede per tutte le madri la copertura al 100% dello stipendio dei 4 mesi di congedo facoltativo ai quali si aggiungono i 5 mesi di legge.

Sono stati inoltre introdotti turni agevolati per le madri che lavorano nei call center e, in coerenza con le esigenze organizzative, la possibilità per le madri degli altri dipartimenti di accedere a soluzioni part-time, per periodi anche temporanei. Le dipendenti in maternità hanno inoltre la possibilità di avere un Maternity Angel. Ovvero una persona all’interno dell’azienda che le terrà costantemente aggiornate per facilitare il loro rientro.

Condividi
Top news
Glocal news
Idee & Consigli