Inedita alleanza benefica

Per aiutare la Caritas nell’emergenza Covid… puoi comprarti una Porsche

Ogni nuova auto venduta contribuirà a raccogliere fondi per combattere la povertà tanto alimentare quanto educativa.

Per aiutare la Caritas nell’emergenza Covid… puoi comprarti una Porsche
08 Giugno 2020 ore 14:57

Aiutare il prossimo acquistando un’automobile nuova? Ora si può. L’iniziativa, solo apparentemente “singolare”, si chiama “Uniti per Ripartire” e vede un’alleanza a fin di bene tra la Caritas e la Porsche, realtà che hanno unito le loro forze per fornire un sostegno concreto ai più bisognosi rivitalizzando al contempo uno dei settori – quello automobilistico – più colpiti dall’emergenza coronavirus.

Ti compri la Porsche così aiuti la Caritas

Per molti, ma non per tutti… anzi, nemmeno molti in realtà. In sostanza per due mesi ogni Porsche venduta contribuirà a raccogliere fondi per combattere la povertà tanto alimentare quanto educativa. Alla campagna solidale possono aderire tutti i clienti.

L’iniziativa, già attiva da giugno, è rivolta a tutti coloro che fino al prossimo 10 agosto prossimo acquisteranno un’automobile nuova nei 30 Centri Porsche della rete italiana, ed è organizzata in coordinamento con le 218 Caritas Diocesane sparse su tutto il territorio nazionale.

Per ogni vettura che verrà consegnata al nuovo proprietario, il gruppo devolverà una somma alla Caritas. Importante è il fatto che la quota da destinare in beneficenza potrà essere decisa dal cliente stesso.

A chi andranno i fondi

La somma definita del cliente sarà destinata a scelta ad aiutare 40 famiglie oppure 10 ragazzi, per contrastare la povertà alimentare o la povertà educativa. Le prime, che vivono situazioni di disagio economico, fanno già parte dei progetti di Caritas: ad esse saranno donati beni di prima necessità sia alimentari che igienici e per la casa. Ai ragazzi invece andranno soprattutto strumenti digitali come computer, smartphone e tablet per consentire lo studio a distanza.

Turismo 2020
Top News
Glocal News
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità