Cronaca
pisogne

Anziani soli, basta una telefonata per trovare ascolto

Un progetto unico, al telefono rispondono ragazzi: “C’è chi ci recita poesie, chi parla di cucina... un giorno ci hanno portato la marmellata”.

Anziani soli, basta una telefonata per trovare ascolto
Cronaca Pisogne, 21 Febbraio 2022 ore 10:12

Ci sono voci che troppo spesso restano inascoltate, persone fragili che si chiudono dentro ad un guscio di solitudine, quella che ti consuma dentro, che non ti lascia cogliere le cose belle della vita. E ci sono storie, ce ne sono tante, in Val Camonica, di anziani lasciati soli, una solitudine amplificata ancor di più dalla pandemia. Ma ci sono progetti che spiccano il volo, che funzionano, che sono una carezza sul cuore.

Progetti che hanno un nome, ‘Time to care’ e dei volti, quelli di Nicolò e Isabel, due giovani camuni che lo seguono passo dopo passo. Tempo di prendersi cura… degli anziani, delle persone fragili, anche se per il momento dietro ad un telefono. Siamo all’Auser di Pisogne, a due passi dalla casa di riposo e dalla chiesa di Santa Maria della Neve. In sede c’è Vincenzo Raco, presidente dell’associazione, è lui a raccontarci il progetto che è stato presentato insieme ai Servizi Sociali del Comune e all’assessore Teresa Bruzzese: “L’obiettivo è quello di incentivare lo scambio tra le nuove e le vecchie generazioni, con una particolare attenzione alla ricostruzione di un tessuto sociale inclusivo, in grado di sviluppare fattori di benessere culturale e la crescita culturale e partecipativa. Nel Comune di Pisogne ci sono oltre 1600 over 65 anni di cui 580 vivono da soli. Il servizio si pone come obiettivo di stabilire un contatto telefonico per raccogliere i bisogni e cercare di sviluppare rapporti per superare la solitudine delle persone più fragili. Da novembre, quando il progetto è stato attivato, sono state fatte circa 600 telefonate, un lavoro lungo e non così semplice, perché per la privacy non ci sono stati forniti dati e numeri di telefono, ma abbiamo creato una nostra lista di contatti partendo dagli iscritti all’Auser e del sindacato pensionati.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 18 FEBBRAIO

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter