Darfo

Buona la prima del concorso ‘Fiormaggi’

Durante la serata sono stati premiati i migliori formaggi di malga della valle tra 20 aziende partecipanti.

Buona la prima del concorso ‘Fiormaggi’
Cronaca Bassa Valle, 24 Ottobre 2020 ore 11:03

Buona la prima, come si suol dire. A Darfo Boario Terme ‘Fiormaggi’, il concorso dedicato ai formaggi di malga della Valle Camonica ha riscosso un grande successo. Non è andata esattamente come era stato previsto dall’organizzazione per le ulteriori norme restrittive dettate dall’ultimo Dpcm, ma la partecipazione è stata ottima e l’entusiasmo alle stelle.

Ne abbiamo parlato con il consigliere Fabio Ducoli, che ci ha raccontato come è andata.

“Abbiamo iniziato ad organizzare la manifestazione a maggio, quando è finito il periodo di lockdown. L’idea è partita dall’amministrazione comunale e si è sviluppata insieme ad altre associazioni del territorio, PromAzioni360 guidata da Loretta Tabarini e dall’Associazione Darfense Agricoltori, del presidente Domenico Foppoli (e di cui Fabio Ducoli è segretario, ndr). Abbiamo chiesto il patrocinio alla Comunità Montana, alla giunta regionale e alla Provincia di Brescia che hanno subito accettato di sostenere questo progetto. Il regolamento è stato preparato da PromAzioni360 che aveva già organizzato manifestazioni di questo tipo; la giuria tecnica di qualità era composta da  Elio Ghisalberti della Guida Espresso, Gian Carlo Morelli, chef migliore carrello di formaggi 2020, Michele Valotti, chef, tra i 15 migliori carrelli di formaggi 2020, Roberto Barbieri, relatore e formatore Slow Food Formaggi, Biagio Primiceri di Slow Food e l’agronomo e direttore del Parco Adamello  Guido Calvi. Sono state invitate a partecipare le aziende che hanno alpeggi nella nostra valle e alla fine se ne sono presentate più di venti con un totale di 50 formaggi tra stagionati, nostrani, ricotte e via dicendo. I formaggi sono stati consegnati alla scuola Olivelli-Putelli di Darfo, poi abbiamo dovuto modificare la serata in base alle nuove disposizioni.

LEGGI L'ARTICOLO SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 23 OTTOBRE