Cronaca
cronaca

Bus prende fuoco in una galleria del Lecchese: autista salva i 25 bimbi che erano a bordo

Bus prende fuoco in una galleria del Lecchese: autista salva i 25 bimbi che erano a bordo
Cronaca Bassa Valle, 13 Luglio 2021 ore 15:14

Venticinque bambini sono stati messi in salvo stamattina prima che un autobus prendesse fuoco in galleria lungo la corsia nord della Superstrada 36 che collega Lecco alla provincia di Sondrio.

L'incidente è avvenuto all'altezza di Varenna, nella galleria Fiumelatte, e avrebbe potuto avere pesanti conseguenze se l'autista non si fosse accorto che qualcosa non andava. E' riuscito a fermarsi e a far scendere i ragazzini, provenienti dalla provincia di Como e a metterli al sicuro prima che le fiamme divorassero il mezzo.

Sul posto sono intervenute cinque squadre dei Vigili del fuoco del distaccamento di Lecco e Bellano che hanno spento le fiamme e spostato il mezzo in zona sicura.

Nessuno ha dovuto far ricorso all'ambulanza inviata dalla centrale operativa del 118.

Sette dei venticinque ragazzini messi in salvo sono stati comunque portati per accertamenti in ospedale. Avrebbero inalato del fumo ma le loro condizioni non destano preoccupazioni. La corsia nord della Ss36 è stata riaperta al traffico attorno alle 13, una volta conclusi i soccorsi, recupero del mezzo e rilievi. Il pullman è andato completamente distrutto dalle fiamme come si vede nella fotografia che pubblichiamo.

 

Questo il messaggio dei Vigili del Fuoco su Twitter:

#Lecco, intervento dei #vigilidelfuoco dalle 10 di stamattina sulla SS 36 per l’#incendio di un pullman mentre era in transito in una galleria, all’altezza di Lierna. Illesi i passeggeri a bordo, squadre al lavoro per mettere in sicurezza la sede stradale [11:30 #13luglio] pic.twitter.com/kTkXcuDefq

— Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) July 13, 2021

 

E' un volontario della Croce Rossa di Lipomo, piccolo paese alle porte di Como, l'autista che ha tratto in salvo i bimbi - come riporta Ansa. Anche il mezzo appartiene alla Croce Rossa. I bambini fanno tutti parte dell'oratorio di Lipomo ed erano diretti a Livigno per una vacanza in un centro estivo.