Cronaca
DARFO BOARIO TERME

Cantieri e polemiche per il Lago Moro

Cantieri e polemiche per il Lago Moro
Bassa Valle Pubblicazione:

In questi giorni il sindaco Dario Colossi sta presentando i progetti che in autunno vedranno la luce sul territorio darfense.
Il tanto atteso liceo musicale è uno di questi: “Una struttura che sarà realizzata con tecniche di bioedilizia, in efficienza energetica, 12 aule dedicate all'insegnamento personalizzato ed un anfiteatro. Da qui l'importo significativo dei lavori di 3,7 milioni di euro.Opera pensata dalla Provincia di Brescia, seppur decentrata rispetto al Conservatorio Musicale (che è la meta naturale degli studenti del Liceo) entra perfettamente nel disegno di una città della musica, che cresce in cultura ed in residenzialità di alto livello. Abbiamo ereditato questo progetto e l'abbiamo fatto atterrare, non senza difficoltà. Siamo sicuri che "ad opera finita" rappresenterà un fiore all'occhiello per la nostra città”.
Ma è sulla riqualificazione del Lago Moro che si sono accesi subito i riflettori. Andiamo però con ordine. Colossi ha infatti snocciolato quali saranno i prossimi passaggi per la riqualificazione. “Completato l'iter burocratico con Autorità di Bacino e Soprintendenza, si stanno approntando i lavori su Capo di Lago che avverranno presumibilmente realizzati in autunno avanzato”.

***

In redazione è arrivato un comunicato firmato dall'Associazione Amici del Lago Moro, che pubblichiamo.

È con grande sorpresa che abbiamo appreso in questi giorni del progetto per la realizzazione di un percorso di collegamento tra l’area pic-nic di Capo di Lago e la zona delle panchine prospicienti lo specchio d’acqua, con la realizzazione di una passerella che contorna lo sperone di roccia e di un pontile, che compromettono in parte il canneto.
Anche a seguito dell’illustrazione del progetto avvenuta in data odierna da parte dell’Arch. Mauro Fontana, incaricato dell’ Ufficio Tecnico, non sappiamo da dove nasca l’esigenza della realizzazione di una passerella a bordo lago, dato che già in passato il percorso sul lago era transitabile ed il suo ripristino oggi potrebbe avvenire in modo agevole e poco dispendioso senza interventi invasivi e rispettando sia il canneto (come ammesso dallo stesso progettista) che lo sperone di roccia che scende al lago.
Il transito tra l’area picnic e quella delle panchine è già consentito a tutti, con più itinerari e nella massima sicurezza senza alcuna limitazione: ad esempio la strada che passa dal paese permette anche all’iconica mamma con passeggino (come sul progetto) di accedere alla zona delle panchine in sicurezza e comodità. La passerella risulterebbe invece un elemento non integrato con la naturalezza del parco del lago e senza alcun beneficio pratico. Anche i turisti che visitano il Lago sono meravigliati dal contesto di bellezza naturale, pur così vicino ad un centro urbano, ed il “ballatoio” sul lago non può che essere un elemento di disturbo e non certo un’attrattiva...

SUL NUMERO IN EDICOLA DALL'8 SETTEMBRE

Seguici sui nostri canali