ANGOLO TERME

E’ nato il ‘Consorzio Pescatori di Valle Camonica’

Il presidente Corini: “Valorizziamo tutte le specie ittiche del nostro territorio”

E’ nato il ‘Consorzio Pescatori di Valle Camonica’
Cronaca Bassa Valle, 05 Giugno 2021 ore 09:34

Sabato 29 maggio scorso ha avuto luogo l’assemblea pubblica di presentazione del “Consorzio Pescatori di Valle Camonica”, durante la quale il  Presidente Walter Corini ne ha illustrato  le finalità  del sodalizio nonché le opportunità che il Consorzio stesso rappresenterà per la valorizzazione della pesca e del territorio.

“Per ora il Consorzio rappresenta 8 associazioni di pescatori: quella di Angolo Terme, l’Associazione Sportiva Dilettantistica Val di Scalve, i Pescatori Sportivi di Cividate Camuno, i Cacciatori e Pescatori di Bienno- Prestine, quelli di Borno  e di Prestine, i Pescatori di Lozio e gli Amici dei Pescatori di Braone – spiega Corini – ma c’è la volontà di aderire al Consorzio anche da parte dei pescatori di Darfo: insomma,  è rappresentata quasi tutta la Bassa Valle più l’associazione di Berzo Inferiore e quella di Piamborno – Gianico. Si tratta di una realtà associativa di secondo livello, che cioè trascende i confini di ogni singolo Comune, e che naturalmente è aperta anche ai pescatori ‘liberi’ che vi vorranno aderire”.

 

L’idea del Consorzio era nata nel settembre dell’anno scorso, quando i vari Enti erano stati sollecitati a partecipare al bando regionale per l’esercizio della pesca nell’’Ambito  10’ e per l’avvio dell’attività dell’incubatoio ittico intervallivo di Angolo Terme:

 

“A gennaio c’era stato il primo arrivo – 100.000 uova di trote – presso la struttura, la cui realizzazione era stata fortemente sostenuta anche dal sindaco Alessandro Morandini e dal consigliere-pescatore Diego Ferrari: una partenza felice, seguìta in ogni fase dall’esperto ittiologo Cesare Puzi. L’’Ambito 10’ comprende tutta la Valcamonica e la Val di Scalve, più Costa Volpino, Rogno e, in parte, Pisogne, in quanto si tratta di un territorio omogeneo che coinvolge tutto il bacino imbrifero del fiume Oglio”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 4 GIUGNO