Cronaca
temù - l'omicidio

Laura Ziliani: soffocata dopo essere stata narcotizza. Nessuna doppia sepoltura e…

Laura Ziliani: soffocata dopo essere stata narcotizza. Nessuna doppia sepoltura e…
Cronaca Alta Valle, 22 Gennaio 2022 ore 09:18

Ci siamo. Ci è voluto un po' di tempo ma l’esito dell’autopsia ha confermato le ipotesi. Laura Ziliani è stata soffocata dopo essere stata narcotizzata, come ha scritto il medico legale professor Andrea Verzelletti nelle 75 pagine consegnate al Pm Caty Bressanelli.
Tanti gli elementi forniti dal medico legale alla Procura, con tempo e dinamica di quanto accaduto nella notte tra il 7 e l’8 maggio scorso in via Ballardini a Temù. 75 pagine dettagliate che non lasciano spazio a dubbi.
Si fa dura per i tre indagati, le figlie di Laura, Silvia e Paola Zani e Mirto Milani, fidanzato di Silvia, tutti e tre in carcere dal 24 settembre scorso, sono tante le contraddizioni emerse durante gli interrogatori e anche le intercettazioni non lasciano spazio a tanti dubbi. Nel fascicolo inoltre sono state inserite alcune testimonianze chiave, tra cui quella dell’ex compagno di Laura Ziliani. Per completare le indagini la Procura ha però disposto una serie di altri accertamenti per chiarire quanto accaduto dopo la morte dell’ex vigilessa e come è stato spostato dall’abitazione di via Ballardini a Temù, tuttora sotto sequestro, il cadavere di Laura Ziliani.
La Procura, sulla base degli esiti degli accertamenti, completerà le indagini entro un paio di mesi, poi avanzerà la richiesta di rinvio a giudizio per i tre indagati accusati di omicidio e occultamento di cadavere e la parola passerà ai legali dei tre indagati, che finora hanno deciso di rimanere in silenzio. E intanto si dipana un altro dubbio che aveva caratterizzato questi mesi, non c’è stata nessuna doppia sepoltura, tra le ipotesi c’era anche quella di un posto dove fosse stato nascosto il corpo di Laura per tre mesi. Ma in realtà il cadavere di Laura Ziliani è sempre rimasto dove è stato ritrovato lo scorso 8 agosto.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 21 GENNAIO

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter