Menu
Cerca
BESSIMO DI ROGNO

L’intervista al nuovo Imam: “Ramadan, la Valcamonica, i rapporti con gli abitanti della zona, i giovani, la Moschea…”

L’intervista al nuovo Imam: “Ramadan, la Valcamonica, i rapporti con gli abitanti della zona, i giovani, la Moschea…”
Cronaca Bassa Valle, 04 Giugno 2021 ore 10:05

Adesso c’è anche l’Imam. La Moschea di Bessimo di Rogno inaugurata il 13 febbraio ha una guida, si chiama Ahmed Tabakovic, vive in Italia da poco, arriva dalla Bosnia. E’ finito un altro Ramadan, come è andata?  “Questo è stato il secondo Ramadan che abbiamo dovuto affrontare con la pandemia. Dall'anno scorso le misure COVID erano più rigide, e abbiamo dovuto improvvisare con le attività online, cercando di mettere i credenti almeno un po' a loro agio con la nuova situazione, quest'anno è andata meglio. Poiché le misure sono state allentate, abbiamo avuto l'opportunità di incontrarci di persona durante le preghiere notturne e durante le cene del Ramadan. Abbiamo continuato però a fare molte cose online, re molte attività educative e religiose che non richiedono una presenza fisica. L'idea del Ramadan è reinvestigare te stesso, ripensare alla tua posizione nella tua comunità e migliorare te stesso per il periodo che sta arrivando. Per i musulmani, è un periodo gioioso, pieno di attività congregazionali, incontri con la famiglia e gli amici e godendo dei doni di Dio all'umanità. Come il nostro Profeta, Muhammad, la pace sia con lui, ha detto: "Il primo terzo del mese di Ramadan è il momento della misericordia, il secondo terzo è per il perdono, il terzo è per il rilascio dall'Inferno", leggiamo che il Ramadan è un mese pieno di doni di Dio e un periodo dell'anno benedetto speciale, che in alcune narrazioni è migliore rispetto ad altri periodi dell'anno, abbiamo suggerito ai credenti di migliorare la loro relazione con Dio in primo luogo e di ripensare le relazioni nelle loro famiglie, cercando di migliorare la vita familiare, il tempo trascorso con il coniuge, i figli, i genitori, i fratelli e le sorelle. La pandemia è stato il momento ideale per tornare alle radici poiché avevamo troppo tempo per noi stessi e le nostre famiglie, il che è un lusso nel mondo moderno. Penso che siamo riusciti a fare un buon lavoro questo Ramadan, con la speranza che saluteremo il prossimo Ramadan senza misure”.

Come va la vostra comunità musulmana: “Come molte persone nella zona sanno, ci sono molte persone provenienti dalla Bosnia ed Erzegovina che vivono qui. L'organizzazione del popolo bosniaco in Vallecamonica è organizzata principalmente da due associazioni: l'associazione culturale “Ljiljan”, con sede ad Angolo Terme, e Jamat (l'organizzazione religiosa locale nella gerarchia della Comunità Islamica dei Bosniaci in Italia che fa da controparte alla parrocchia nella gerarchia della Chiesa cattolica) Ital-Bosna. Jamat Ital-Bosna è la rappresentanza locale della Comunita Islamica dei Bosniaci in Italia, che è un'organizzazione ombrello per tutti i musulmani bosniaci in Italia. In quanto organizzazione ombrello, la CIBI fa parte della Comunità islamica della Bosnia-Erzegovina, che è l'istanza più alta per i musulmani bosniaci nel mondo. Jamat Ital-Bosna viene fondata alla fine del 2019.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 4 GIUGNO