nuove regole

Lombardia zona rossa: cosa si può fare e cosa no

Lombardia zona rossa: cosa si può fare e cosa no
Cronaca Alta Valle, 17 Gennaio 2021 ore 16:29

Lombardia zona rossa. Ma cosa si può fare e cosa no?

Innanzi tutto fino al 15 febbraio è vietato ogni spostamento tra Regioni, con eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

SECONDE CASE

Fino al 15 febbraio è vietato andare nelle seconde case che si trovano fuori regione. Se si è residenti in una regione in fascia arancione è vietato andare nella seconda casa fuori Comune. L’unica deroga riguarda motivi di urgenza.

 

Dal 16 gennaio 2021 e fino al 5 marzo 2021, si applicano le seguenti misure:

È vietato uscire di casa, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute; vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro.

Sono consentiti gli spostamenti per una distanza non superiore a 30 km nei comuni con popolazione finì a 5000 abitanti.

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. Per i bar e le attività commerciali che vendono bevande e alcolici, come le enoteche, scatta il divieto di vendita da asporto alle 18.

Chiusura dei negozi, fatta eccezione per supermercati, beni alimentari e di necessità. Restano aperte edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

SCUOLA

Didattica a distanza per la scuola secondaria di secondo grado (superiori), per le classi di seconda e terza media. Chiuse le università, salvo specifiche eccezioni.

Restano aperte, quindi, solo le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e la prima media.

SPORT

Sono sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute di interesse nazionale dal CONI e CIP. Sospese le attività nei centri sportivi.

Rimane consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale.

 

Sono chiusi musei e mostre; chiusi anche teatri, cinema, palestre, attività di sale giochi, sale scommesse, bingo, anche nei bar e nelle tabaccherie.

Per i mezzi di trasporto pubblico è consentito il riempimento solo fino al 50%, fatta eccezione per i mezzi di trasporto scolastico.

È consentito spostarsi verso un’altra abitazione privata, tra le 5.00 e le 22.00, nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi, ma SOLO una volta al giorno. Tale spostamento può avvenire all’interno dello stesso Comune.

Chiusi gli impianti sciistici fino al 15 febbraio.

Chiuse anche piscine e palestre.