Valcamonica

“Papillon” è evaso di nuovo

Cresce la paura dell’orso e si temono ripercussioni anche sul turismo. Il parere di un albergatore.

“Papillon” è evaso di nuovo
Alta Valle, 31 Agosto 2020 ore 14:26

La vicenda di M49, l’orso catturato dagli uomini del Corpo Forestale del Trentino sui monti sopra Tione nelle Giudicarie e trasportato nell’area faunistica di Casteller, vicino a Trento, dal quale era fuggito il 14 luglio scorso, è emblematica della difficile convivenza tra attività umane e fauna selvatica. Del giovane maschio, definito problematico per la sua abitudine a procurarsi il cibo nelle malghe e nelle zone abitate, un’ordinanza della Provincia prevedeva anche l’ abbattimento, ma contro questa prospettiva si erano subito alzate le proteste degli animalisti e persino il ministro dell’ambiente Costa, che lo aveva ribattezzato “Papillon” in ragione delle sue fughe reiterate, aveva dichiarato di volere che l’orso fosse “trattato bene” e reinserito per gradi nell’area faunistica.
Di diverso parere la Provincia autonoma ridi Trento dal momento che il plantigrado, spostandosi tra Trentino e Veneto, aveva provocato molti danni alle attività umane, entrando ogni notte in qualche baita o rifugio e sbranando decine di animali negli alpeggi e nelle malghe ed avvicinandosi anche ai centri abitati: un comportamento, insomma, pericoloso anche per l’incolumità delle persone.
Concetto ribadito anche da Coldiretti:

“La cattura dell’orso M49 – aveva scritto in una nota – fa tirare un sospiro di sollievo a chi vive la montagna e si sente indifeso di fronte ai pericoli di un esemplare del quale è stata scientificamente accertata l’aggressività e le cui gesta hanno provocato danni, ansie e paura, rendendo urgenti le necessarie misure di contenimento per garantire in primo luogo la sicurezza degli agricoltori e delle loro famiglie e non costringerli alla fuga e all’abbandono dei pascoli e della tradizionale attività di alpeggio delle numerose malghe, con danni economici ed ambientali incalcolabili”.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 28 AGOSTO

Turismo 2020
Top News
Glocal News
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità