Cronaca
Corteno Golgi

Simona racconta papà Giacomo, un proiettile nella schiena, la paralisi, la sua forza e quei cacciatori...

Parla la figlia Simona: “Psicologicamente fa davvero male non vedere chiudersi questa storia, sono passati due anni e non sappiamo niente".

Simona racconta papà Giacomo, un proiettile nella schiena, la paralisi, la sua forza e quei cacciatori...
Cronaca Alta Valle, 04 Dicembre 2020 ore 12:11

Sabato mattina, Simona, la figlia di Giacomo Gazzoli, è dall’altra parte del telefono e la sua voce racconta ancora tante emozioni di quel giorno di novembre di due anni fa. Sono ancora vive, intense. Non se ne vanno. Non se ne andranno mai.

La vicenda (di cui parliamo nella scheda) non si è ancora risolta, è rimasta lì, come in una bolla di sapone, e i suoi feritori, che ormai sono ex cacciatori – ad entrambi sono state sequestrate armi e munizioni risultate compatibili con le schegge metalliche conficcate nella carrozzeria dell’auto – restano soltanto indagati.

“Psicologicamente – spiega Simona – fa davvero male non vedere chiudersi questa storia, sono passati due anni e non sappiamo niente, è come se il tempo non fosse passato. Come se tutto quello che è successo fosse finito nel dimenticatoio… e non è giusto, soprattutto per mio papà, a cui hanno rovinato la vita”.